Percorso completo futures e opzioni:

apprendi i concetti base dei derivati prima di lanciarti nel trading in opzioni

A partire dalle definizioni da manuale dei vari contratti, le lezioni ti spiegano la vera natura dei prodotti derivati, separando l’operatività in funzione della sua natura, che può essere da un lato di pura speculazione, dall’altro di copertura di un qualche rischio nei confronti del quale ci si trova esposti.

Lo scopo del corso è sì quello di introdurti alla materia, ma anche di spiegarti fin da subito l’utilizzo pratico che puoi fare dei derivati regolamentati, a quali rischi ti espongano, quali opportunità effettivamente siano in grado di offrirti.

ATTENZIONE: IL PERCORSO COMPLETO NON È IN VENDITA!

TE LO REGALO SE ACQUISTI IL LIBRO “OPZIONI: CAPIRLE PRIMA DI USARLE”

Percorso completo futures e opzioni: perché ti parlo anche dei futures?

Uno dei temi più delicati nel campo dei derivati regolamentati è il ruolo della cassa di compensazione e garanzia e la spiegazione dei meccanismi che ne dettano le regole.

Queste tematiche sono molto complesse da affrontare e comprendere se le si guarda subito nell’ambito delle opzioni, mentre risultano più semplici se applicate al mercato dei futures.

Questo spiega il perché dei futures all’interno di un corso sulle opzioni.

Il percorso completo futures e opzioni dura circa 18 ore ed è composto da video-lezioni, divise per argomento, che puoi rivedere ogni volta che lo desideri, senza limiti temporali.

Obiettivi del percorso completo futures e opzioni:

Spiegarti i fondamenti dei mercati dei derivati regolamentati, futures e opzioni, con particolare attenzione ai concetti di leva e di rischio da questa generato. Farti capire quali opportunità offrano le opzioni e le strategie combinate mediante opzioni.

Contenuti del percorso completo futures e opzioni:

Durante queste 18 ore di lezione impari le logiche che legano i prezzi dei derivati al passaggio del tempo, ai tassi di interesse e all’andamento del sottostante.

Ti faccio entrare nelle logiche del pricing dei futures per permetterti di capire appieno le questioni che entrano in gioco nel pricing delle opzioni.

La leva e il rischio sono concetti chiave per comprendere le logiche dei margini di garanzia e il loro funzionamento; ad essi viene dedicato molto spazio nel corso.

Entrando nel campo delle opzioni è di cruciale importanza capire la doppia natura di questi prodotti: strumenti di copertura dei rischi di varia natura, da un lato; una via per speculare su una molteplicità di scenari di mercato e su un gran numero di sottostanti e mercati, dall’altro.

I payoff a scadenza delle opzioni vengono spesso mal rappresentati e mal spiegati, perciò è fondamentale fare subito chiarezza sul fatto che ciò che accade a scadenza è strettamente legato alla natura del sottostante e che non sempre accade ciò che molti libri e siti raccontano.

Una volta chiariti i concetti che caratterizzano le opzioni a scadenza ti puoi addentrare nelle logiche del loro comportamento durante la loro vita, affrontando gli importantissimi temi della leva e della reattività nei confronti del sottostante.

OK Domenico, mi hai convinto!

Quindi ti parlo delle variabili che incidono sui prezzi, evidenziando i limiti della teoria economica in questo ambito.

Ti illustro poi le basi delle più tipiche strategie combinate: spread verticali, straddle, strangle, butterfly, iron condor.

In questa fase ti mostro anche alcuni concetti statistici molto importanti, che mettono in relazione la natura del mercato con l’opportunità di adottare specifiche strategie speculative in opzioni.

Poi viene la parte un po’ più tecnica, nella quale ti spiego la matematica relativa alle opzioni: le greche, i limiti inferiori e superiori ai prezzi, la volatilità storica e implicita, il pricing (cenni).

Le greche vengono esaminate sia singolarmente che a coppie, per mostrare come la lettura del comportamento potenziale di una opzione sia solitamente ben più complicata di come la dipingono.

Ti parlo anche di greche di portafoglio, un concetto che spesso viene presentato in modo totalmente errato.

In questa fase ti parlo anche di delta hedging, una pratica molto discussa di copertura dei rischi per i venditori allo scoperto di opzioni.

Il delta hedging costituisce la base su cui si analizzeranno, nell’ultima parte del corso, alcuni indicatori delle opzioni e alcune varianti che da essi si possono derivare.

Nelle battute conclusive ti parlo anche – sebbene soltanto in termini generali – delle strategie multi-scadenza: gli spread orizzontali e gli spread diagonali.

Ultimo, ma non meno importante, ti racconto anche qualche cosa sulle combinazioni tra opzioni e titoli sottostanti, per esempio la strategia covered call writing.

Qui sotto c’è il programma dettagliato, dagli una occhiata!

OK Domenico, mi hai convinto!

Programma dettagliato del percorso completo futures e opzioni:

  • introduzione ai prodotti derivati
  • fondamenti dei mercati dei futures
  • pricing dei futures su azioni e indici azionari senza e con dividendi, merci, valute
  • le opzioni: definizioni e caratteristiche principali
  • payoff a scadenza delle quattro operazioni di base: cosa cambia tra opzioni regolate per contanti e opzioni che prevedono la consegna fisica del sottostante a scadenza
  • il diverso comportamento dei prezzi a scadenza e durante la vita dei contratti
  • variabili che incidono sui prezzi
  • leva e reattività
  • capire la natura delle quattro operazioni di base: perché è teoricamente conveniente essere venditori allo scoperto piuttosto che compratori
  • la natura statistica del mercato: la premessa statistica a favore delle strategie non direzionali
  • cenni sulle principali strategie combinate in opzioni
  • la matematica delle opzioni: limiti inferiori e superiori ai prezzi
  • le greche delle opzioni
  • le greche in due dimensioni
  • greche di portafoglio
  • volatilità implicita e volatilità storica
  • strategie bi-direzionali
  • dagli short strangle agli iron condor
  • ratio spread
  • gli indicatori delle opzioni che possono essere impiegati per “leggere” le tendenze attese dei movimenti del sottostante: open interest, put-call ratio, la teoria del maximum pain
  • limiti degli indicatori e loro possibili varianti
  • calendar spread e diagonal spread
  • covered call writing e LEAPS

OK Domenico, mi hai convinto!